Rivestimento del tetto ThermoActive

Fabbrica Schindler in Slovacchia

A Dunskajá Streda, in Slovacchia, circa 14.000 m² di superficie del tetto del produttore di ascensori Schindler výtahy a eskalátory a.s. sono stati rivestiti con ThermoActive nel 2019. Il partner di esecuzione era HOFER SK, s.r.o., 01001 Žilina.

Il problema
Temperature elevate nei capannoni di produzione a causa del riscaldamento dei tetti. La temperatura esterna del tetto era di 51,4°C in una misurazione comparativa.

La soluzione
Raffreddamento passivo attraverso un rivestimento high-tech basato sulla tecnologia della membrana riflettente: ThermoActive. Questo raffreddamento passivo si ottiene grazie all’altissima riflessione della luce solare e ai processi di evaporazione. La luce del sole viene riflessa fino a un valore del 91,4% (riflettanza solare totale, TSR).

Il risultato
Dopo il rivestimento con la vernice per tetti ThermoActive, la temperatura del tetto all’esterno, misurata in condizioni identiche, era di soli 28,2°C. Così, la temperatura potrebbe essere ridotta di 23,2°C. Questa riduzione della temperatura può far risparmiare il consumo di energia per il raffreddamento attivo delle sale di produzione. Meno consumo di energia significa una riduzione delle emissioni di CO2. Questo contribuisce attivamente alla protezione del clima.

Case a schiera nei Paesi Bassi 01

Case a schiera nei Paesi Bassi

Poco più del 5% di risparmio energetico

Oltre a un aspetto buono e stabile per molti anni e alla protezione dalle intemperie, un rivestimento ClimateCoating® sulla facciata comporta anche un risparmio di energia per il riscaldamento. Questi variano a seconda del materiale della parete e del tipo di edificio. Per queste case a schiera a Ymere, nei Paesi Bassi, era più del 5% dopo il rivestimento nel 2011. Non è niente di speciale, si potrebbe pensare – nell’edificio comparativo con 3 cm di isolamento in polistirolo non è stato molto di più dal 1990. La caratteristica speciale qui è la relazione delle proporzioni della superficie avvolgente del muro esterno con il tetto e le finestre.

Chiesa Schermerhorn 13

Chiesa Schermerhorn

Adesione, comportamento all’umidità

Dopo un test di 3 anni tra il 2013 e il 2016, durante il quale sono stati misurati l’adesione di ClimateCoating® ThermoPlus e il cambiamento dei livelli di umidità nelle pareti solide della chiesa, è stato deciso di trattare l’interno della chiesa con ClimateCoating®. Le ragioni della decisione sono state la buona adesione e i valori di umidità ridotti nelle pareti.

I problemi nella Grande Chiesa in NL-1636 Schermerhorn erano che grandi parti delle pareti esterne mostravano scolorimento e che l’intonaco si stava sgretolando. La fase di test è iniziata il 31 ottobre 2013. L’obiettivo era quello di trovare risposte alle seguenti domande: 1) Quali sono le cause di questa scagliatura sui e nei muri? e 2) Come si possono restaurare i muri in modo economico e strutturato?

Sono stati creati dei set-up di prova a questo scopo: Aree campione e punti di misurazione. La base della decisione era chiara: il rivestimento delle superfici campione aderisce e l’umidità nelle pareti può essere ridotta? È stato scelto il muro dell’abside, dove c’erano i maggiori problemi. Le misurazioni iniziali dell’umidità nell’ottobre 2013 hanno mostrato: l’umidità nelle pareti esterne non è costante; non c’è una chiara correlazione tra le diverse altezze delle colonne.

Nel novembre 2013, è stata effettuata un’analisi della permeabilità al vapore dell’intonaco esistente. Le piazzole di campionamento sono state stabilite nel novembre 2013, e le prime misurazioni sono state effettuate a febbraio, maggio, agosto e novembre 2014. Oltre a fornire i materiali, Coateq ha anche fornito il supporto tecnico. Le serie di misurazioni sono state estese fino al 2016.

Casa residenziale in Portogallo 01

Casa residenziale in Portogallo

Verniciando l’interno con ClimateCoating® ThermoPlus, le temperature superficiali delle pareti e dei soffitti sono state rapidamente aumentate e l’umidità dell’aria e delle pareti è stata ridotta.

Il signor Jean-Paul Drauth ha fornito i risultati delle misurazioni da casa sua, circa 60 km a sud di Porto, nell’aprile 2008. Il 26.03.2008 ha dipinto il soffitto e il 30.03.2008 le pareti sono state rivestite con ClimateCoating® ThermoPlus. La costruzione del muro è la seguente: costruzione in cemento armato con mattoni di argilla cotti. Costruzione dall’interno all’esterno: Intonaco 1 cm / mattoni forati in argilla cotti con grandi camere, 30 cm / intonaco esterno 1 cm / adesivo 1 cm / scivolamenti di mattoni di argilla 2 cm.

Il signor Drauth descrive la procedura di misurazione come segue: “Ho cercato un valore medio nei vari punti (non il più alto/non il più basso) per ottenere una misurazione significativa, e poi ho puntato di nuovo su questo valore proprio per le varie misurazioni, mentre prima le misurazioni cambiavano relativamente forte non appena ci si allontanava dal punto di misurazione specifico; questo è diventato molto simile! Al momento si può deviare più di mezzo metro dal punto di misura senza che nemmeno un decimo di grado cambi nel display!”

La serie di misurazioni dimostra ancora una volta: ClimateCoating® aumenta le temperature di superficie, e allo stesso tempo c’è un’equalizzazione – la temperatura di sensazione aumenta. Inoltre, l’umidità della stanza è regolata e la parete è deumidificata.

“Sono un ingegnere del riscaldamento qualificato e non ho problemi a calcolare un valore U, ma l’inerzia della massa non è presa in considerazione da nessuna parte, così che con il clima locale e il metodo di costruzione locale può spesso accadere, ad esempio a 17°C o più di temperatura esterna e umidità molto alta; gli occupanti congelano, poiché il controllo della temperatura esterna spegne il circuito di riscaldamento”. Quando si pensa al Portogallo, si tende a pensare a spiagge, sole e molto caldo – ma: anche in Portogallo o in Spagna ci sono inverni freddi, a seconda della regione.

“Ho una veranda vetrata su tre lati (conservatorio) con ClimateCoating.® sul soffitto dal 13 marzo 2008, hanno costantemente almeno 3 gradi in più rispetto all’esterno, non importa quale sia il tempo fuori, quasi sempre la porta scorrevole aperta a causa degli animali domestici e una sensazione di benessere come mai prima; in contrasto: tutti i vicini hanno un camino fumante!”

Il signor Drauth si è messo in contatto con un esperto di costruzioni di Berlino per valutare i risultati delle misurazioni. La questione era l’adeguatezza della teoria del valore U: “Non posso che essere d’accordo con te in quello che scrivi riguardo al valore U. Domanda: Perché con ClimateCoating® ci si sente più a proprio agio con meno temperatura ambiente e tuttavia la curva di temperatura nella costruzione della parete dovrebbe essere peggiore che senza? Quando ho dipinto metà del soffitto ho già notato l’effetto, sicuramente non era più un radiatore freddo. Secondo le mie misurazioni, si può già vedere che almeno la resistenza di contatto interna deve essere sbagliata, dato che ho avuto temperature superficiali pari alla temperatura ambiente o addirittura superiori! Questo non può essere assolutamente rintracciato con il normale metodo di calcolo, e se non avessi misurato io stesso, presumerei un errore di misurazione”.

Appartamenti in Botkyrka 01

Appartamenti a Botkyrka

Un’applicazione sorprendente per i valori di calcolo di ClimateCoating®. 12% di risparmio energetico grazie alla ristrutturazione della facciata con ClimateCoating® ThermoProtect

I condomini di Botkyrka erano due grandi edifici di appartamenti con l’indirizzo Branta Backen 7-15 e 17-29 a Tumba, comune di Botkyrka vicino a Stoccolma in Svezia. Botkyrka è un comune della provincia svedese di Stockholms län e della provincia storica di Södermanland. La città principale del comune è Tumba.

Nel 2009, i preparativi per la ristrutturazione della facciata erano in corso. Questo includeva ispezioni, consultazioni e una proiezione del potenziale di risparmio energetico previsto. Utilizzando i valori di calcolo ClimateCoating®, lo studio di ingegneria berlinese DIMaGB ha determinato un ΔUäqu del 19%, che porta a un potenziale di risparmio ΔQ = 12% quando si tiene conto della geometria dell’edificio.

A seguito di un’analisi della redditività, l’azienda di alloggi ha deciso di rinnovare la facciata con un rivestimento ClimateCoating® ThermoProtect. Nel febbraio 2014, ÅF-Infrastructure AB, una società svedese di ingegneria/consulenza attiva a livello internazionale, ha effettuato una valutazione del monitoraggio. “Per Branta Backen 7-15 la diminuzione corrispondeva [des Energieverbrauchs] all’11,0% e per Branta Backen 17-29 al 13,2% nello stesso periodo.”

Natura contro colori 01

Natura vs Colori

L’esperienza pratica dimostra i vantaggi di ClimateCoating® Nature.

ClimateCoating® Nature è la vernice per i componenti in legno. Per essere precisi: per componenti non dimensionali in legno. Ciò significa: ClimateCoating® non è adatto per finestre e porte, perché la membrana termoceramica non può sopportare le sollecitazioni meccaniche nella battuta, e non è nemmeno utilizzabile su superfici scorrevoli.

ClimateCoating® Nature mostra i suoi punti di forza su tutti gli altri componenti in legno: Protezione contro i raggi UV, riflessione della luce solare, protezione contro la pioggia battente, riduzione del gonfiore e del ritiro, deumidificazione, apertura di diffusione, crack bridging, elasticità permanente. Il primo esempio è l’archetipo della casa Black ClimateCoating® in Olanda: dopo 15 anni, nessuna crepa, nessuna bolla. Questo esempio è già stato seguito da diversi in nero.

Non c’è bisogno di denigrare altri prodotti per il legno, il confronto in pratica fornisce una buona base per decidere a favore o contro un prodotto. A volte alcune immagini dicono più di molte parole. ClimateCoating® Nature è disponibile in migliaia di colori. Lo applicano: per le case di legno, le case a graticcio, i box di copertura, le recinzioni.

Ristrutturazione casa colonica nei Paesi Bassi 07

Ristrutturazione casa colonica nei Paesi Bassi

Pareti macchiate dipinte sopra

Questo vecchio edificio nei Paesi Bassi è stato ristrutturato con ClimateCoating® ThermoProtect nel 2013. Il problema qui era che a causa del precedente utilizzo anche come edificio stabile, le pareti esterne avevano assorbito alcuni liquidi e si erano macchiate. La decisione di utilizzare ClimateCoating® Exterior è stata quella giusta, perché ha impedito che le macchie sanguinassero senza la necessità di ulteriori costose misure di ristrutturazione.

Natura per i mulini a vento 01

Natura per i mulini a vento

Una ristrutturazione della facciata con ClimateCoating® Nature.

Olanda – sono i canali di Amsterdam, il formaggio, le biciclette. E mulini a vento. L’Olanda e i suoi mulini a vento sono inseparabili, sono uno dei simboli noti dei Paesi Bassi. I mulini a vento olandesi apparvero alla fine del XVI secolo, e alla fine del XIX secolo c’erano 10.000 mulini a vento nei Paesi Bassi.

Dato che la popolazione si è ridotta a circa 1.000 persone, la conservazione e il mantenimento dei mulini a vento esistenti è importante. ClimateCoating® Nature dà un buon contributo in questo senso. Le buone esperienze con le case Black ClimateCoating® sono alla base della decisione.

Casa appartamento in Kapfenberg 05

Casa appartamento a Kapfenberg

10% di risparmio di energia per il riscaldamento dopo la ristrutturazione della facciata effettuata nel 2011, valutazione di WEG

Il condominio di Kapfenberg, in Austria, è un grattacielo (piano terra + 10 piani) costruito nel 1974 con 44 appartamenti. Il riscaldamento era il teleriscaldamento (senza preparazione di acqua calda). La superficie della facciata rinnovata con ClimateCoating® ThermoProtect nel 2011 è di circa 4100 m². L’azienda specializzata che ha eseguito il lavoro era Fa. HESCHmaler di 8345 Straden.

Un’analisi della variazione del consumo di energia per il riscaldamento è stata effettuata nel gennaio 2015 dall’ing. Franz Windisch e l’ing. Herbert Emminger, che appartengono all’associazione dei proprietari. Mentre il consumo di energia per il riscaldamento nel periodo di fatturazione 2010/2011 era di 394,6 MWh, era solo 352,8 e 358,9 MWh nei due periodi di fatturazione successivi. Questo corrisponde a una riduzione del consumo di circa il 10%.

Per un confronto economico, si devono confrontare solo i costi aggiuntivi; nel confronto con l’isolamento delle facciate, si tratta della differenza di costo del materiale per il cappotto di livellamento dell’ETICS. Il potenziale di risparmio dell’isolamento delle facciate è dato da IWO Austria come 22%, da IWO in Germania è 19%, co2online gGmbH Berlino dà 19% (02.2014) e secondo Heizspiegel Germania 2014 è solo 12% (10.2014).

Casa indipendente in Erlenbach 01

Casa indipendente in Erlenbach

In questa casa indipendente, la combinazione di una costruzione solida con ClimateCoating® ThermoProtect e il riscaldamento a infrarossi con ClimateCoating® ThermoPlus assicura un consumo energetico inferiore rispetto alla casa vicina con un valore U“migliore”.

È una casa unifamiliare. La costruzione della parete consiste in 24 cm di calcestruzzo poroso, un totale di 3,0 cm di intonaco all’interno e all’esterno e un rivestimento Thermo-Shield all’interno e all’esterno (cioè ClimateCoating® ThermoProtect all’esterno e ThermoPlus all’interno).

Il riscaldamento è fornito da pannelli di radiazione IR (infrarossi), che consumano energia elettrica primaria e creano un comfort termico migliore di qualsiasi riscaldamento a convezione.

Il riscaldamento a infrarossi qui installato, in combinazione con il rivestimento riflettente IR ClimateCoating®, crea il massimo comfort ed economia. Per il periodo da marzo 2008 a marzo 2010, sono stati verificati costi di riscaldamento inferiori a 450 euro all’anno.

Allo stesso tempo, la valutazione dei risultati di misurazione porta la teoria del valore U ad absurdum. È analiticamente e metrologicamente provato che il cosiddetto valore U come misura primaria della domanda di energia di riscaldamento è un prodotto di fantasia.

La base per la valutazione è un protocollo del 2011 sulle misurazioni del valore U delle pareti esterne di diverse case monofamiliari con diverse costruzioni di pareti. Le misurazioni effettuate dimostrano l’influenza positiva di ThermoPlus e ClimateCoating® ThermoProtect sulla resistenza termica delle pareti esterne.

Il compito delle misurazioni era di provare l’influenza positiva di ClimateCoating® sulle pareti esterne con diverse costruzioni di pareti. Inoltre, si dovrebbe determinare il comportamento di raffreddamento e la fase di riscaldamento dell’aria e la temperatura della parete.

I luoghi di misurazione erano 2 case monofamiliari con diverse costruzioni di muri. Le misurazioni sono state effettuate sul lato ovest della casa ad un’altezza di circa 3-5m. Tutte le misurazioni erano in gran parte soggette alle stesse condizioni con una differenza di temperatura tra l’interno e l’esterno di circa 15°C. Sono stati utilizzati lo strumento di misura TESTO 635 e i sensori PT100. La costruzione del muro della casa vicina è costituita da 36,5 cm di cemento cellulare, il valore U qui è di 0,30 W/m²K in media, come il produttore specifica anche nel suo volantino.

Dal 20.02.2010 ore 17:30 al 21.02.2010 ore 9:00, sono state misurate varie variabili all’interno e all’esterno della stanza:

  • Temperatura dell’aria interna
  • Temperatura dell’aria esterna
  • Temperatura della superficie della parete all’interno
  • “il valore U
  • rH [%]; probabilmente il rel. Umidità esterna
  • Mat [%], l’umidità del materiale nella posizione sconosciuta

Una delle domande da porsi qui è: Cosa viene misurato? È davvero la temperatura dell’aria della stanza? Le temperature della superficie della parete aumentano perché il riscaldatore IR emette radiazioni di calore. Oltre alla radiazione primaria, anche la radiazione secondaria ha un effetto. Questo è il motivo per cui anche le superfici murali nascoste che non sono nel cono diretto del riscaldatore, ad esempio dietro una poltrona, diventano più calde.

Il sensore per la temperatura dell’aria ambiente non visualizza quindi la variabile effettivamente misurata, ma un valore superiore. Questo perché viene irradiato allo stesso modo e quindi riscaldato.

Quando si tratta di processi di radiazione, la teoria del valore U è fuori luogo. Si aggiunge solo alla confusione e alla diluizione piuttosto che fornire un contributo esplicativo modello. Questo perché i processi di radiazione sono estranei alla teoria del valore U.

La temperatura dell’aria della stanza non è la variabile determinante quando si tratta di processi IR. Si tratta di fisica della radiazione nella gamma di lunghezze d’onda intorno ai 10 µm nei seguenti casi:

  • – Superfici rivestite con tecnologia a membrana termoceramica (riflessione IR)
  • – Riscaldamento con sistemi di riscaldamento basati sul principio della radiazione termica (riscaldamento IR)
  • – la combinazione di riscaldamento IR e rivestimento riflettente IR

Combinando il riscaldamento IR con il rivestimento ClimateCoating®, gli occupanti della casa monofamiliare di Erlenbach hanno ottenuto un alto grado di efficienza energetica come risultato del comfort (temperature superficiali più alte, maggiore simmetria di temperatura), riscaldamento più veloce, raffreddamento ritardato – il tutto con un valore U “peggiore” rispetto alla casa vicina.

Dal 2015, thermoshield-farben.de ha pubblicato quanto segue: “Per il periodo da marzo 2008 a marzo 2014, sono stati dimostrati costi di riscaldamento inferiori a 450 € all’anno. Rispetto a una casa passiva secondo EnEV2009. 30% in meno di costi di riscaldamento, 20% in meno di costi di costruzione, 50% in meno di costi di manutenzione”. Questo contraddice la teoria del valore U, ma questa è la pratica.